Note a margine – Ottobre 2016

Note a margine – Ottobre 2016

Per vincere in maniera globale le tre pandemie, in un momento di crisi economica generalizzata come quello che stiamo vivendo, si dovrà lavorare molto per diminuire le diseguaglianze economiche e di salute presenti anche in Europa e in Italia. I nuovi poveri anche qui si ammalano di più, si curano in ritardo, fanno minore prevenzione soprattutto per ridurre il contagio di Aids. Anche in Italia, in Piemonte e a Torino è necessario spingere sulla prevenzione della trasmissione di queste malattie. Il Ccm lo sta facendo, in collaborazione con le Asl e con alcune scuole, con percorsi sull’affettività. I messaggi di prevenzione dell’Hiv devono essere inseriti all’interno di contesti più ampi di promozione della salute che affrontino tematiche ampie come la conoscenza del proprio corpo, la relazione tra i sessi e l’identità sessuale. Una persona competente sulla propria salute, sul funzionamento del proprio corpo, in grado di fare scelte consapevoli e di relazionarsi in maniera positiva con l’altro è una persona in grado di proteggersi dall’Hiv.

[Marilena Bertini – presidente Ccm]

Dal nuovo numero di Nam – Note a Margine

 

 

La prevenzione necessaria e possibile

La prevenzione necessaria e possibile

hiv«Le terapie oggi assicurano una vita assolutamente normale, ma se si cura l’infezione in tempo. Uno dei grandi errori del passato è stato quello di ghettizzare, che la malattia riguarda solo alcuni sottogruppi, sottovalutandone diffusione e prevenzione»: è uno degli aspetti fondamentali sottolineati da Chiara Pasqualini del Seremi al convegno organizzato dal Comitato Collaborazione Medica – Ccm lo scorso 6 ottobre a Torino.

Qui è possibile scaricare le varie relazioni presentate.

 

L’AIDS C’È. Vincerlo si può.

L’AIDS C’È. Vincerlo si può.

13 miliardi di USD per combatterlo nei Paesi a basso reddito. Informazione e sensibilizzazione per evitarlo in Italia. Questo quanto emerso oggi durante il Convegno L’AIDS C’È. In Italia e in Africa, conoscerlo è il primo passo per vincerlo, organizzato dal Comitato Collaborazione Medica CCM ong e onlus che agisce in Africa e in Italia in ambito sanitario, e dall’Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS, rete di 13 Ong italiane e internazionali.

Qui il comunicato stampa completo

cs_ccm

L’AIDS C’È. Conoscerlo è il primo passo per vincerlo.

L’AIDS C’È. Conoscerlo è il primo passo per vincerlo.

StampaIl Comitato Collaborazione Medica insieme all’Osservatorio Italiano sull’Azione globale contro l’Aids organizza il Convegno L’AIDS C’È. Conoscerlo è il primo passo per vincerlo. L’appuntamento è a Torini, il prossimo 6 ottobre, presso la Sala Multimediale Regione Piemonte Corso Regina Margherita, 174.

Vincere l’Hiv/Aids significa innanzitutto conoscerlo: diffusione e cause che ne fanno ancora oggi una pandemia globale.

Vincerlo significa poi ricercare uno sforzo globale e multisettoriale, che coinvolga i governi, le istituzioni e la società civile.
L’Italia è chiamata a impegnarsi in questo, a livello internazionale finanziando adeguatamente il Fondo Globale per la lotta contro Aids, Tubercolosi e Malaria, e a livello nazionale, promuovendo azioni di informazione e prevenzione in particolare fra le fasce più a rischio.

Read More