Eacs 2017, Lila presenta “Noi Possiamo”

Eacs 2017, Lila presenta “Noi Possiamo”

La prima campagna italiana dedicata alla TasP e al tema “U=U”: le persone HIV positive con viremia non rilevabile non sono infettive. Le persone con HIV che seguono regolarmente le terapie e che abbiano stabilmente conseguito una carica virale non rilevabile, non trasmettono il virus.

A questa straordinaria acquisizione scientifica, denominata TasP (treatment as prevention) è dedicata la campagna informativa “Noi possiamo” che LILA presenterà il prossimo 26 ottobre a Milano. La conferenza stampa si terrà alle 10.30 e sarà ospitata dalla 16esima edizione della conferenza EACS, European AIDS Clinical Society, il più importante appuntamento medico-scientifico europeo sull’HIV/AIDS.

La campagna LILA, articolata in immagini e video, è la prima in Italia dedicata a questo tema e aderisce ad una più ampia campagna internazionale lanciata un anno fa dalla rete Prevention Access Campaign, denominata “U=U, Undetectable=Untrasmittable”, ossia “Non rilevabile=Non trasmissibile”, che sta riscuotendo adesioni e sostegno, in tutto il mondo, da parte di istituzioni pubbliche e private, comunità scientifiche, associazioni e Ong.

“Noi possiamo” punta a far conoscere gli straordinari effetti che le terapie antiretrovirali (ART) stanno producendo: mantenere la viremia di chi è in trattamento sotto il livello di rilevabilità migliora la salute e la qualità della vita delle persone con HIV, impedendo la trasmissione del virus ad altre persone. Questa informazione rappresenta una potente arma per porre fine alle discriminazioni e allo stigma sociale che da sempre gravano sulle persone HIV positive e puo’ incoraggiare un maggior ricorso al test. Per questo si parla di “TasP, Treatment as Prevention”: il trattamento ART, quando efficace, è anche un fondamentale strumento di prevenzione.

Fonte Lila