Inizia la campagna per la lotta alle disuguaglianze

Inizia la campagna per la lotta alle disuguaglianze

Una nuova campagna per la lotta alle disuguaglianze in Europa e oltre, #FightInequality, viene lanciata il 6 giugno durante gli European Development Days (EDD).

Se non si eliminano le disuguaglianze, nessun altro obiettivo di sviluppo sostenibile può essere realizzato.

La campagna è realizzata dalle organizzazione della società civile di 15 Paesi membri che stanno lavorando per aumentare la consapevolezza sul tema e per incentivare politiche di cambiamento sociale necessarie per ridurre disuguaglianza e povertà in Europa e oltre.

La campagna chiede società più inclusive per donne, bambini, diversi gruppi etnici, persone emarginate, ma anche che i cittadini dell’UE diventino agenti di cambiamento nelle proprie comunità.

I rappresentanti delle istituzioni dell’UE saranno invitati al lancio della campagna che si terrà nello stand “Make Europe Sustainable For All” durante gli EDD.

—————————————————————————————————————————————

L’Unione Europea ha 12 anni di tempo per realizzare il principio del “Non lasciare nessuno indietro” richiamato nell’Agenda 2030, impegnandosi a promuoverlo e attuarlo tra i suoi stati membri ma anche al suo esterno.

Tuttavia, in tutti gli stati dell’UE esistono disuguaglianze sorprendenti che ostacolano lo sviluppo sostenibile: diversità di genere, povertà, ingiustizia fiscale, disuguaglianze climatiche. In particolare, le donne incontrano molti ostacoli per realizzare il loro pieno potenziale e far sentire la propria voce. Per tutti questi motivi, lo stand della campagna #FightInequality presso l’EDD Global Village si focalizzerà sul sensibilizzare sul tema delle disuguaglianze affrontate dalle donne, sulla necessità di pari opportunità, sulla promozione dell’inclusione sociale, economica e politica e sottolineando che la realizzazione degli SDG è compito di tutti.

Lo stand #FightInequality EDD propone un gioco interattivo e ricco di contenuti – 17 passi verso l’uguaglianza. Raffigurando tutti i 17 Sustainable Development Goals (SDG), il gioco accompagna i partecipanti attraverso varie storie di disuguaglianze tipiche della vita quotidiana, in Europa e oltre. In questo modo, i giocatori avranno modo di apprendere contenuti su un ampio spettro di disuguaglianze che toccano tutti gli aspetti dello sviluppo sostenibile. Dopo questo, i partecipanti saranno in grado di contribuire al mosaico delle disuguaglianze con una foto e una citazione su quanto appreso durante l’interazione.

Questa campagna è parte del progetto DEAR “Make Europe Sustainable For All”, un progetto intersettoriale di 3 anni gestito da 25 partner di tutta Europa. Il suo scopo è promuovere un’attuazione ambiziosa degli obiettivi di sviluppo sostenibile da parte e all’interno dell’UE. Il progetto affronta questioni di genere, clima e migrazioni in 3 campagne con focus su uguaglianza, agricoltura sostenibile e cambiamento dei modelli di consumo e produzione. I partner del progetto di 15 Paesi Europei saranno anche presenti al lancio della campagna, condividendo la loro esperienza lavorativa nella promozione di una maggiore uguaglianza in Europa.

Più informazioni al seguente link: http://makeeuropesustainableforall.org/campaigns/

Vedi il video della campagna

Gcap Italia partecipa alla campagna europea #FightInequalities

Gcap Italia partecipa alla campagna europea #FightInequalities

Il  6 giugno a Bruxelles in occasione degli European Development Days (EDDs) parte la nuova campagna europea #FightInequalities a cui Gcap Italia partecipa.

La campagna è promossa da organizzazioni della società civile di 15 paesi dell’Ue che stanno lavorando per aumentare la consapevolezza, della società civile e dei decisori politici,  sui temi dello sviluppo sostenibile e della lotta alle diseguaglianze e spingere verso le decisioni politiche e il cambiamento sociale necessari per affrontare le disuguaglianze e la povertà in Europa e nel mondo. L’iniziativa è  parte di “Make Europe Sustainable for All”, un progetto intersettoriale triennale promosso  da 25 partner di tutta Europa, di cui Gcap Italia è partner, attraverso Engim internazionale.

Il partenariato nella Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile

Il partenariato nella Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile

“Insieme per la sostenibilità: arriva il primo confronto nazionale sul Partenariato nella Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile”

Mercoledì 30 Maggio, ore 10.00 – 16.00

FONDAZIONE ENI ENRICO MATTEI

Corso Magenta 63

 

Il partenariato nella Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile” è l’iniziativa, all’interno del Festival Italiano dello Sviluppo Sostenibile 2018 promosso dall’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) dedicata al 17esimo Obiettivo delle Nazioni Unite, il Goal dei grandi partenariati.

Saranno presenti all’incontro le istituzioni, sia finanziarie che amministrative, raggruppamenti della società civile come Aoi e Gcap Italia, per offrire il proprio contributo a rendere i partenariati più efficaci e coerenti: se ne discuterà con la Direzione Generale per la Cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Cassa Depositi e Prestiti e la Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Nel corso dell’evento saranno anche anticipati i dati sul commercio equo certificato in Italia, raccolti nel nuovo Rapporto Fairtrade, nonché il nuovo Rapporto Gcap Italia sulla coerenza delle politiche per la sostenibilità “Oltre la retorica dello sviluppo sostenibile”.

Per il programma e la registrazione collegarsi al link   SDG 17 – Festival dello Sviluppo Sostenibile

Francia 2019, rifinanziamo il Fondo Globale

Francia 2019, rifinanziamo il Fondo Globale

La prossima conferenza di rifinanziamento del Fondo Globale per la lotta contro l’Aids, tubercolosi e malaria sarà ospitata in Francia nel 2019, così è stato annunciato dal presidente Emmanuel Macron, a conferma anche dell’impegno da sempre promosso dallo stato francese, secondo donatore del Fondo con oltre 4,2 miliardi di dollari dal 2002.
La conferenza intende raccogliere nuovi fondi e mobilitare i partner per porre fine all’Aids, alla tubercolosi e alla malaria entro il 2030 in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile. E come nelle passate edizioni parteciperanno i governi, la società civile, il settore privato e rappresentanti delle comunità maggiormente colpite dalle tre epidemie.

Qui il comunicato del Fondo Globale.

Difendiamo la Convenzione di Istanbul

Difendiamo la Convenzione di Istanbul

Anche l’Osservatorio ha firmato la lettera di Wave – Women against violence Europe inviata al Consiglio d’Europa per contrastare l’attacco portato alla Convenzione di Istambul da 333 organizzazioni, in larghissima parte di matrice cattolica, prolife e politica di destra, di 9 paesi che chiedono :

– l’apertura di un processo di revisione della Convenzione di Istanbul
– la sostituzione dei riferimenti all’uguaglianza di genere con “uguaglianza tra uomini e donne”
– e soprattutto “la possibilità per i governi di apporre delle riserve sulle parti ideologiche e controverse” della Convenzione
Un serio attacco lanciato contro il riconoscimento universale della discriminazione e della diseguaglianza di genere come cause e conseguenze della violenza contro donne e ragazze, e contro l’inclusione di tale riconoscimento nella Convenzione del Consiglio d’Europa per la prevenzione e il contrasto della violenza contro le donne (Convenzione di Istanbul).

Read More

Lettera aperta delle organizzazioni di Aoi e Cini alle candidate e candidati alle elezioni politiche del 4 marzo

Lettera aperta delle organizzazioni di Aoi e Cini alle candidate e candidati alle elezioni politiche del 4 marzo

In uno scenario di diseguaglianze crescenti a livello globale, fra i Paesi e al loro interno, in cui potere e risorse sono sempre più concentrati nelle mani di pochi, è necessario invertire la rotta e rimettere diritti, solidarietà, coesione sociale e redistribuzione della ricchezza e delle opportunità al centro delle politiche interne e internazionali del nostro Paese. Un mondo in cui le disparità socio-economiche e di genere si vanno acuendo è un mondo sulla cui tenuta e sul cui futuro regna un profondo senso di incertezza, in cui si paralizza la mobilità sociale, si svuotano di senso i diritti, si creano le condizioni per un aumento della criminalità e della corruzione e vacilla la fiducia della cittadinanza nelle istituzioni: così vengono inesorabilmente minate le fondamenta stesse delle società in cui viviamo.

Read More

Informazione e partecipazione per sconfiggere l’Aids

Informazione e partecipazione per sconfiggere l’Aids

Può una malattia cambiare il mondo? La risposta di Cristiana Pulcinelli, giornalista scientifica e scrittrice, è sì.

Nel suo “Aids. Breve storia di una malattia che ha cambiato il mondo” [Carocci, 2017], libro agile e ricco di dettagli, Pulcinelli ricostruisce nel tempo e nello spazio la genesi di una malattia che causa ancora milioni di morti e che più di altre ha segnato l’immaginario comune, così come racconta Pulcinelli nella sua disamina che spazia dalla letteratura al cinema, dalle scoperte mediche alle scelte politiche e alle campagne della società civile.

Read More